@keyframes c-inline-spinner-kf { 0% { transform: rotate(0deg); } 100% { transform: rotate(360deg); } } .c-inline-spinner, .c-inline-spinner:before { display: inline-block; width: 11px; height: 11px; transform-origin: 50%; border: 2px solid transparent; border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; border-radius: 50%; content: ""; animation: linear c-inline-spinner-kf 900ms infinite; position: relative; vertical-align: inherit; line-height: inherit; } .c-inline-spinner { top: 3px; margin: 0 3px; } .c-inline-spinner:before { border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; position: absolute; left: -2px; top: -2px; border-style: solid; }
top of page

Che cosa è TWITCH?

Aggiornamento: 10 ott 2021

Prima di proseguire con nuovi articoli, sono qui oggi per raccontarvi, qualora non lo sapeste già, cos'è Twitch e quali sono le sue origini. Twitch è una piattaforma di live streaming di Amazon . Il sito permette soprattutto la trasmissione in tempo reale di videogiochi, eventi, competizioni eSports, talk show, musica e tanto altro.

Twitch, inizialmente nato sotto il nome di "Justin.tv", fu creato da Justin kan e Emmett Shear nel 19 marzo 2007 e venne diviso in varie categorie, ottenendo subito un grande successo. Nel giugno del 2011 chiuse Justin.tv, ma la società trasferì tutti i contenuti su un nuovo sito chiamato "TWITCH". Nel giro di alcuni anni, esattamente tra il 2013 e il 2014, la piattaforma battette qualsiasi record, registrando 45 milioni di utenti attivi facendo diventare Twitch la quarta più grande fonte di traffico internet dietro a Netflix , Google e Apple . Il 25 agosto 2014 Amazon decise di acquistare Twitch al costo di 970 milioni di dollari, offrendo ai clienti abbonati ad Amazon Prime ulteriori servizi, quali un abbonamento mensile gratuito ad un canale, vari premi riscattabili e contenuti speciali per la piattaforma.


Twitch decise di offrire agli streamer un programma di Partnership e uno di affiliazione in base agli obiettivi raggiunti , consentendogli di monetizzare tramite le pubblicità generate dalle loro live e alle sottoscrizioni ai loro canali. Grazie a quest'ultime, l'utente può abbonarsi ai vari canali, sbloccando l’accesso a emoticon uniche, privilegi di chat e altri vantaggi come ad esempio il non vedere la pubblicità. Le emote sono un ottimo modo per personalizzare il canale e ricompensare gli abbonati. Ci sono 3 tipologie di abbonamenti con tre costi diversi. Ognuno di essi ti permette di sbloccare emote aggiuntive. Con l'aumentare delle sottoscrizioni aumentano gli slot aggiuntivi delle emote. Oltre alle sottoscrizioni e alle pubblicità, lo streamer può monetizzare anche grazie ai Bits , ossia una valuta virtuale acquistabile su Twitch, la quale permette all'utente di incoraggiare e supportare i vari streamer, farsi notare in chat tramite l'uso di emoticon animate e ottenere riconoscimenti sotto forma di stemmi, classifiche ed emote.


Per entrare un po' nello specifico economico, per quanto riguarda le sottoscrizioni Twitch e gli streamer si dividono all’incirca in parti uguali il guadagno, mentre per quanto riguarda i Bits lo streamer riceve una quota dei ricavi pari ad un centesimo per ogni Bits ricevuto. Per concludere, per quanto riguarda le pubblicità, si basano sul numero di visualizzazioni, ovvero che i Partner guadagnano una quota delle entrate generate dagli annunci pubblicitari riprodotti sui propri canali.

Il fatto stesso di poter guadagnare attraverso quelli che molti potrebbero considerare degli Hobby (che siano videogiochi o altro) ha spinto, nel tempo, svariati utenti a tentare la strada del "content creator", addirittura togliendo utenza già esperta del settore al colosso concorrente in rosso di casa Google, ovvero Youtube .

Tra le nostre pagine cercheremo di seguire quello che è il percorso che alcuni Streamer stanno percorrendo, senza trascurare le news e i gossip che li riguardano.



Per rimanere sempre aggiornati sui prossimi articoli, registratevi al blog!


Buona lettura!


(Realizzato da Ferdinando Fiore)

436 visualizzazioni0 commenti