@keyframes c-inline-spinner-kf { 0% { transform: rotate(0deg); } 100% { transform: rotate(360deg); } } .c-inline-spinner, .c-inline-spinner:before { display: inline-block; width: 11px; height: 11px; transform-origin: 50%; border: 2px solid transparent; border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; border-radius: 50%; content: ""; animation: linear c-inline-spinner-kf 900ms infinite; position: relative; vertical-align: inherit; line-height: inherit; } .c-inline-spinner { top: 3px; margin: 0 3px; } .c-inline-spinner:before { border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; position: absolute; left: -2px; top: -2px; border-style: solid; }
top of page

I SEGRETI DI TWITCH: CONTENT CREATOR IMMUNI AL BAN?

Qualche giorno fa parlammo, in un articolo che troverete cliccando qui, di un attacco hacker subito dalla piattaforma viola durante il quale sono state rivelate numerose informazioni sensibili.


Fra queste, oltre ai guadagni e il codice sorgente di Twitch stesso, è trapelato anche un elenco di streamer che non dovrebbero mai essere bannati per nessun motivo. Gli streamer in questione sembrano avere una sorta di protezione dal ban , secondo il documento sopracitato. Nella lista spiccano i nomi di diversi content creator e dipendenti (ma anche ex dipendenti), che non dovrebbero essere bannati per alcun motivo. Vediamone insieme alcuni: partendo dai vertici vi è uno dei canali ufficiali di Twitch (twitchoffice) il quale sembra non essere bannabile in quanto proprietà di Twitch stessa; continuando vi è anche il canale di Sarbandia che è il CEO/Co-Founder della applicazione di streaming, egli infatti secondo il leak non dovrebbe essere bannato "per nessuna ragione"; sempre nella lista vi sono anche Ricegum e lolTyler1, i quali sembrano essere favoriti dal contratto stipulato con Twitch, infatti loro avrebbero anche dei responsabili ai quali rivolgersi in caso di violazione del contratto.

Questo è solamente un frammento della lista rivelata durante l'attacco hacker:

Dopo quest'attacco, Twitch sembra essere sul piede di guerra contro chiunque parli in streaming della lista "do_not_ban_list" e ne è prova lo youtuber e streamer Destiny che è stato bannato per questa ragione, qui la clip incriminata.

Come per altre questioni "calde" , Twitch cerca di porre fine ad una vicenda negativa prima che questa spopoli e prenda il sopravvento.

Insomma, prima ce ne dimentichiamo e meglio è.



Eccoci giunti al termine di questo nuovo articolo.

Voi cosa ne pensate di questa lista?

Fatecelo sapere qui sotto nei commenti.

Per rimanere sempre aggiornati sui prossimi articoli registratevi al Blog!


Buona lettura!

(Realizzato da Ferdinando Fiore)


37 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Smart

bottom of page