@keyframes c-inline-spinner-kf { 0% { transform: rotate(0deg); } 100% { transform: rotate(360deg); } } .c-inline-spinner, .c-inline-spinner:before { display: inline-block; width: 11px; height: 11px; transform-origin: 50%; border: 2px solid transparent; border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; border-radius: 50%; content: ""; animation: linear c-inline-spinner-kf 900ms infinite; position: relative; vertical-align: inherit; line-height: inherit; } .c-inline-spinner { top: 3px; margin: 0 3px; } .c-inline-spinner:before { border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; position: absolute; left: -2px; top: -2px; border-style: solid; }
top of page
  • Immagine del redattoreStranger

NINJA E POKIMANE LITIGANO E VANNO PER VIE LEGALI

Ninja e Pokimane (entrambi celeberrimi content creator) ultimamente si sono fatti la guerra.

Tutto ciò è scoppiato tra loro su Twitch per via di un altro streamer, Jidion, il quale avrebbe fatto un grosso torto alla giovane streamer.

Pare che le vicende si siano fatte così grosse per le due parti che sia stato addirittura necessario andare per vie legali .


Tutto risale a un fatto avvenuto poco più di un mese fa, quando lo streamer Jidion ha fatto un raid verso il canale di Pokimane, in cui le ha portato un’ondata di gente a insultarla nella sua chat.

Ciò ha portato la streamer a dover chiudere la sua trasmissione prima del previsto per via della troppa tossicità, e ovviamente ciò ha avuto delle conseguenze per il “genio” dietro a quest’azione.

Jidion è infatti stato sospeso dalla piattaforma, con un ban che prima era di 14 giorni, e che poi si è tramutato in permanente.


La vicenda sembrava essersi conclusa ma, a quanto pare, negli ultimi giorni il tutto ha preso un risvolto totalmente inaspettato.




Durante una sua ultima trasmissione, Pokimane ha parlato di come Ninja abbia supportato l’iniziativa di Jidion e del fatto che lui stesse anche cercando di aiutarlo a salvarsi dal ban. Aggiunge, inoltre, una delle frasi dette da Ninja stesso riferendosi allo streamer bannato:

“Non puoi andare in giro a raidare le put***e su Twitch.”

Si tratta di parole che non solo risultano offensive per la community di streamer donne, ma che implicano che anche Pokimane sia una di queste, motivo per cui si è sentita personalmente attaccata.



La streamer non è rimasta in silenzio e ha parlato di questa affermazione nella sua live, aggiungendo anche:

“Mi chiedo se avrebbe detto le stesse parole se lo streamer in questione fosse stato maschio”.


È qui che la situazione prende tutt’altra piega.

La moglie di Ninja, Jessica Blevins, ha contattato Pokimane avvertendola del fatto che ciò che stava facendo la streamer era considerabile diffamazione, motivo per il quale avrebbe coinvolto degli avvocati per risolvere la situazione per vie legali.

Jessica ha aggiunto, inoltre, che il marito non avrebbe supportato le azioni di Jidion, e che quindi Pokimane stesse creando un dramma inutile nel quale, appunto, sta soltanto diffamando Ninja inutilmente.