@keyframes c-inline-spinner-kf { 0% { transform: rotate(0deg); } 100% { transform: rotate(360deg); } } .c-inline-spinner, .c-inline-spinner:before { display: inline-block; width: 11px; height: 11px; transform-origin: 50%; border: 2px solid transparent; border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; border-radius: 50%; content: ""; animation: linear c-inline-spinner-kf 900ms infinite; position: relative; vertical-align: inherit; line-height: inherit; } .c-inline-spinner { top: 3px; margin: 0 3px; } .c-inline-spinner:before { border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; position: absolute; left: -2px; top: -2px; border-style: solid; }
top of page

TWITCH DOWN? PROBLEMI LEGATI AGLI AWS

Come ben saprete, ieri c'è stata un'enorme quantità di segnalazioni da parte di utenti che non riuscivano ad entrare o a visualizzare streaming su Twitch.


Il nucleo del problema riguardava un totale arresto di tutti i servizi Amazon, comunemente chiamati Amazon Web Services (AWS).

Recentemente si è verificato un altro blackout che ha causato malumore tra l'utenza, precisamente il 7 dicembre 2021.



Pare che il problema sia legato ad un comportamento anomalo e inaspettato da parte di un enorme numero di client di rete interni, causato da una funzionalità automatizzata di scaling della capacità dei servizi AWS.

In seguito, si è verificato un blocco di rete causato da uno smisurato afflusso improvviso di connessioni tra la rete interna e la rete AWS principale, producendo ritardi e aggiuntivi errori.


Di conseguenza, l'intasamento di rete ha compromesso l'abilità di monitoraggio in tempo reale, ostacolando gli operativi del settore i quali si occupano di identificare ed estinguere il problema.

Infatti, è stato necessario lo spostamento del traffico DNS dai tratti di interesse, così che venisse ridotto il peso sui client in quesitone.


Le piattaforme ad esser state colpite dalla complicazione di ieri sono molte.

D'altronde, ci sono state tantissime segnalazioni di imprevisti con Twitch, PlayStation Network, Clash Royale, Apex Legends, Call of Duty e l'intero catalogo EA.

I picchi sono stati registrati molto velocemente, facendo pensare a tutta l'utenza che ci fosse un problema proprio legato ai server e non ai singoli titoli.


Effettivamente, anche su Twitter si sono verificate le conferme dalle varie piattaforme, proprio come ha annunciato il supporto di Twitch in un tweet ufficiale.

Si sono riscontrati problemi di connessione dei server US-WEST-1 e US-WEST-2, tra Oregon e North California, mentre nel resto del mondo non sono risultati esserci problemi con gli AWS.



Così si conclude l'articolo.

Voi cosa ne pensate?

Eravate già a conoscenza del problema legato agli AWS?

Fatecelo sapere qui sotto nei commenti.

Inoltre, registratevi al Blog per rimanere sempre aggiornati sui prossimi articoli.


Buona lettura!


(Realizzato da Rossana Lauro)

24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Smart

bottom of page