@keyframes c-inline-spinner-kf { 0% { transform: rotate(0deg); } 100% { transform: rotate(360deg); } } .c-inline-spinner, .c-inline-spinner:before { display: inline-block; width: 11px; height: 11px; transform-origin: 50%; border: 2px solid transparent; border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; border-radius: 50%; content: ""; animation: linear c-inline-spinner-kf 900ms infinite; position: relative; vertical-align: inherit; line-height: inherit; } .c-inline-spinner { top: 3px; margin: 0 3px; } .c-inline-spinner:before { border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; position: absolute; left: -2px; top: -2px; border-style: solid; }
top of page

xQc e la Terapia degli streamer

Streamer più seguito nel secondo anno di fila, con numeri di visualizzazioni stratosferiche, Felix “xQc” Lengyel ha rivelato di aver preso parte a una “terapia per streamer su Twitch”, dopo il secondo ban avvenuto nel Giugno 2020. Questo faceva parte del processo per l’annullamento del ban.


La rivelazione è avvenuta mentre dava un’occhiata ai commenti fatti da Marcus “djWHEAT” Graham, capo di Twitch Community Productions, che affermava come gli streamer che reagiscono agli show in live “non sono ok”. Invece di parlare di questo, xQc ha invece rivelato di come abbia frequentato la “terapia degli streamer” proprio con djWHEAT come "terapista".


“Ai tempi del ban, Twitch ha detto che una parte di me sarebbe stata sbannata… dovevo prendere parte a questa terapia per streamer” ha infatti rivelato. “Ho dovuto accettare una sessione, o un paio di sessioni, di terapia per la riforma degli streamer. Non sto scherzando.”



xQc non ricorda per cosa è stato bannato esattamente, ma potrebbe essere stato il momento in cui ha guardato il video di due gorilla che si accoppiavano in live a giugno 2020. Dopo un giorno infatti è arrivato il ban.


Per quanto riguarda le sessioni ha spiegato che funziona come qualunque terapia, ma in streaming, con il terapista che fa domande per avviare delle discussioni su cui ragionare. Una sessione è durata anche più di un’ora e mezza. “Era come gli incontri per alcolisti anonimi ma per streamer” ha scherzato.



Stando in accordo con quello che riferisce StreamerBans è arrivato a cinque ban su Twitch. I primi tre sono accaduti nel 2020, l’ultimo avvenuto per lo streaming sniping all’evento Twitch Rivals del GlitchCon 2020. Il quarto emesso nel luglio 2021 per aver trasmesso i Giochi Olimpici di Tokyo 2020, sebbene sia durato solo poche ore, e il quinto un mese dopo ma nessuno sa perché.


Sembra che abbia dovuto frequentare la “Terapia degli streamer” solo dopo il secondo divieto, forse a causa della natura del ban.


Cosa ne pensate?

Prendereste parte a queste sessioni per essere sbannati?

Per voi potrebbero funzionare?

Fatecelo sapere nei commenti e registratevi per rimanere sempre connessi con i nostri aggiornamenti nel blog!

Buona lettura!

(Realizzato da Giulia Silvestri)


12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Smart

bottom of page