@keyframes c-inline-spinner-kf { 0% { transform: rotate(0deg); } 100% { transform: rotate(360deg); } } .c-inline-spinner, .c-inline-spinner:before { display: inline-block; width: 11px; height: 11px; transform-origin: 50%; border: 2px solid transparent; border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; border-radius: 50%; content: ""; animation: linear c-inline-spinner-kf 900ms infinite; position: relative; vertical-align: inherit; line-height: inherit; } .c-inline-spinner { top: 3px; margin: 0 3px; } .c-inline-spinner:before { border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; position: absolute; left: -2px; top: -2px; border-style: solid; }
top of page

XQC FURIOSO CONTRO RIOT GAMES: SECONDO LUI I GIOCATORI DI LOL SONO TROPPO "PROTETTI"

Qualche tempo fa ci fu una diatriba decennale tra Dota e League of Legends in cui xQc, lo streamer più visto del mondo (nel 2021), si trovò coinvolto.

Quest'ultimo è tornato a far parlare di sé in seguito ad una sfuriata in live contro Riot Games, poichè secondo lui di protegge troppo i giocatori.


Come tutti i giochi sul mercato da molti anni, anche League of Legends è più volte stato sottoposto a modifiche e bilanciamenti, sia per quanto riguarda il gameplay in sé, sia per quanto riguarda la qualità della vita dei giocatori, ma ovviamente queste modifiche non vengono sempre apprezzate da tutti.


Tra questi a quanto pare risulta essersi anche Felix Lengyel, aka xQc (figura importantissima nel panorama internazionale del gaming e dello streaming ed incontrastato Re di Twitch del 2021 ), il quale in live non ha risparmiato le critiche inerenti la rimozione di alcune vecchie feature che tendevano a creare problemi tra i giocatori.



Mentre si trovava insieme ad un amico in schermata di caricamento Felix si è lamentato, in primis, dei tempi prolungati per entrare in partita.

Il collega e anch'esso streamer Ray__C, gli ha spiegato che la precedente schermata che mostrava chi non avesse ancora completato il caricamento era stata rimossa per prevenire che qualcuno venisse flammato per le scarse prestazioni della propria connessione e del proprio PC.

Con un certo nervosismo, xQc ha risposto così:

”Ah sì mi ricordo. Poi però la gente veniva bullizzata per il proprio PC e poi rimuoviamo questo perché la gente viene bullizzata per il proprio winrate. I profili? Rimossi perché la gente veniva bullizzata per le proprie stats, e quest’altro? Rimosso perché le persone venivano bullizzate per i loro pick. Oddio ragazzi, e poi cosa? Nascondiamo il nome? Nascondiamo il campione che giochiamo? Anzi sapete cosa? Rimuoviamo proprio lo score, nascondiamo la mappa, nasconderemo l’intero gioco… Anzi ecco, banniamo proprio il gioco, banniamo i computer, banniamo i monitor!”

Potete trovare la clip dello sfogo del giovane content creator qui.




Sebbene le dichiarazioni sopracitate possano sembrare (e lo sono, a nostro avviso) provocatorie nei confronti degli sviluppatori, a detta di xQc Riot Games è troppo attenta alle esigenze ed alla sensibilità dei player, ed effettivamente è ovvio che è grazie anche a queste azioni capillari ed attenzione ai dettagli che League of legends regna nel mondo del gaming da ormai più di un decennio.





Così si conclude l'articolo.

E voi invece cosa ne pensate?

Siete d'accordo o in disaccordo con quanto detto da xQc?

Fatecelo sapere qui sotto nei commenti.

Inoltre, registratevi al Blog per rimanere sempre aggiornati sui prossimi articoli.


Buona lettura!


(Realizzato da Rossana Lauro)

24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Smart

bottom of page