@keyframes c-inline-spinner-kf { 0% { transform: rotate(0deg); } 100% { transform: rotate(360deg); } } .c-inline-spinner, .c-inline-spinner:before { display: inline-block; width: 11px; height: 11px; transform-origin: 50%; border: 2px solid transparent; border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; border-radius: 50%; content: ""; animation: linear c-inline-spinner-kf 900ms infinite; position: relative; vertical-align: inherit; line-height: inherit; } .c-inline-spinner { top: 3px; margin: 0 3px; } .c-inline-spinner:before { border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; position: absolute; left: -2px; top: -2px; border-style: solid; }
top of page

50° ANNIVERSARIO ATARI: HA CREATO UNA LOOT BOX NFT

A quanto pare, per il suo 50° anniversario, Atari, società statunitense produttrice di videogiochi e di hardware per uso videoludico, ha creato una loot box celebrativa: un NFT.

Esiste un acronimo per questo genere di 'oggetti', ossia GFT, in cui la G sta per Gift (regalo).

Infatti, questi NFT verranno acquistati, ma chi deciderà di partecipare alla festa organizzata dallo storico sviluppatore di videogiochi non saprà esattamente che cosa ha acquistato fino a quando una specie di countdown non raggiungerà lo zero.


Gli NFT sono, a tutti gli effetti, la nuova moda del momento e, nonostante moltissimi artisti e creativi stiano tentando di trovare la propria strada in questo nuovo mercato, c’è chi come Keanu Reeves che ha le idee piuttosto chiare su quanto, secondo lui, questo genere di oggetti digitali sia in realtà una barzelletta.


Non c’è assolutamente modo di prevedere come sarà il futuro da qui a qualche anno, se per esempio la bolla delle criptovalute scoppierà oppure se alla fine il sistema degli NFT ci porterà ad innovazioni anche per esempio nella gestione dei dati personali, aumentando la sicurezza magari anche delle transazioni bancarie o del login sul sito della Previdenza Sociale.



Quello che sappiamo è che, intanto, le loot box NFT di Atari saranno su blockchain firmata Ethereum e che il sistema delle loot box stesse potrebbe addirittura premiare due fortunati partecipanti a questa specie di estrazione con un GFT definito “epico”.

Bisognerà vedere anche come il mercato delle criptovalute si riprenderà visto che, dopo aver raggiunto valori stellari, tutte le principali valute digitali sono colate a picco, cancellando in pochi minuti migliaia di dollari di guadagno a causa di incertezze tutt’altro che digitali.

Atari è stata e, a quanto pare, continua ad essere una delle società più influenti nei videogiochi nonostante tanti pensino che lo spirito dell’originale si sia perso ormai un paio di decenni fa.




E voi cosa ne pensate?

Conoscete la celeberrima casa produttrice di hardware e videogiochi?

E cosa ne pensate invece della creazione della loot box NFT?

Fatecelo sapere qui sotto nei commenti.

Inoltre, iscrivetevi al Blog per rimanere sempre aggiornati sui prossimi articoli!


Buona lettura!


(Realizzato da Rossana Lauro)

31 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Smart

bottom of page