@keyframes c-inline-spinner-kf { 0% { transform: rotate(0deg); } 100% { transform: rotate(360deg); } } .c-inline-spinner, .c-inline-spinner:before { display: inline-block; width: 11px; height: 11px; transform-origin: 50%; border: 2px solid transparent; border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; border-radius: 50%; content: ""; animation: linear c-inline-spinner-kf 900ms infinite; position: relative; vertical-align: inherit; line-height: inherit; } .c-inline-spinner { top: 3px; margin: 0 3px; } .c-inline-spinner:before { border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; position: absolute; left: -2px; top: -2px; border-style: solid; }
top of page

CAMBIA LA POLITICA DI TWITCH: MAGGIORI INFORMAZIONI RELATIVE I BAN!

Aggiornamento: 8 nov 2021

Dopo la notizia della riduzione dei prezzi degli abbonamenti di Twitch , spiegata circa due settimane fa in un articolo che potrete trovare cliccando qui, oggi vi annunciamo un cambio intrigante per quanto riguarda la sua politica.

Nel dettaglio, la piattaforma di streaming di Amazon pare aver annunciato un'importante riforma indirizzata agli streamer .

Infatti, Twitch stesso si è messo a disposizione per fornire maggiori informazioni relative i ban.



Entrando nello specifico, è stato annunciato che i content creator , qualora dovessero essere bannati da Twitch, riceverebbero un rapporto includente il nome e la data del contenuto che ha portato alla conclusione da parte del team di moderazione.

A tal proposito, però, la piattaforma appartenente ad Amazon non ha intenzione di addolcire la propria politica, senza nemmeno procurare un livello elevato di dettaglio inerenti le violazioni.


Eppure, il fatto che nel rapporto siano presenti il nome e la data del contenuto che hanno causato l'interruzione, equivale ad una fantastica innovazione, poichè il nuovo sistema è molto più specifico di prima, dato che, precedentemente, Twitch elencava quale regola fosse stata infranta.



In aggiunta, il supporto di Twitch pare aver pubblicato un tweet sul suo profilo Twitter , in cui spiega in linea di massima generale tale cambiamento nella loro politica, correlando, inoltre, una foto dimostrativa su come appare il rapporto inerente la sospensione.



I content creator , però, potrebbero trovarsi in disaccordo per il fatto che i rapporti , nello specifico, persisteranno nell'essere fin troppo confusi e approssimati.

Lo scorso anno, la società ha emanato una lunga serie di comunicazioni di rimozione in violazione del DMCA (Digital Millennium Copyright Act), senza fornire informazioni precise ed esplicite per quanto riguardava i video che avessero contribuito a violare il copyright.



Così si conclude il nostro articolo di oggi.

Voi cosa ne pensate?

Siete mai stati bannati su Twitch?

Fatecelo sapere qui sotto nei commenti.

Per rimanere sempre aggiornati sui prossimi articoli registratevi al Blog!


Buona lettura!




(Realizzato da Rossana Lauro e Ferdinando Fiore)

38 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Smart

bottom of page