@keyframes c-inline-spinner-kf { 0% { transform: rotate(0deg); } 100% { transform: rotate(360deg); } } .c-inline-spinner, .c-inline-spinner:before { display: inline-block; width: 11px; height: 11px; transform-origin: 50%; border: 2px solid transparent; border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; border-radius: 50%; content: ""; animation: linear c-inline-spinner-kf 900ms infinite; position: relative; vertical-align: inherit; line-height: inherit; } .c-inline-spinner { top: 3px; margin: 0 3px; } .c-inline-spinner:before { border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; position: absolute; left: -2px; top: -2px; border-style: solid; }
top of page

META: NUOVA FUNZIONE PER CREARE NFT SU FACEBOOK E INSTAGRAM?

Aggiornamento: 28 gen 2022

A quanto pare, miei cari lettori, Meta (impresa statunitense che controlla i servizi di rete sociale Facebook e Instagram) è pronta a sviluppare una nuova funzione che permetterà agli utenti di Instagram e Facebook di creare, vendere e avere un wallet di NFT sui propri profili social.


Mark Zuckerberg sembra, quindi, intenzionato a dotare gli utenti di una funzionalità che permetterà alla sua società di entrare nel settore che, insieme a quello delle criptovalute, ha registrato un vero e proprio boom nel 2021.



Dall’inizio del 2022, questo settore sta diventando sempre più attraente per le persone di tutto il mondo, in particolare dopo che per la prima volta è stata superata la soglia di 1 miliardo di dollari di patrimonio personale proprio grazie agli NFT, detti anche Non-Fungible token.

I primi miliardari del settore sono Devin Finzer e Alex Atallah, i due co-fondatori di OpenSea, una delle maggiori startup di blockchain a livello internazionale.



Infatti, come molti di voi sapranno grazie ad un articolo che ho realizzato poco più di una settimana fa, ha fatto il giro del mondo la notizia del giovane studente indonesiano Ghozali Ghozalo che, trasformando in NFT i suoi selfie, scattati ininterrottamente dal 2017 al 2021, ha venduto l’insieme delle foto proprio su OpenSea.

Attraverso tale l’operazione, il giovane è riuscito a guadagnare 277 Ether, pari a poco meno di 1 milione di dollari.



A quanto pare, Meta sarebbe intenzionata a offrire ai propri iscritti due funzioni:

  • Visualizzare gli NFT in loro possesso sui propri account - Servizio di wallet per avere sempre a portata di mano queste proprietà virtuali;

  • Offrire a chiunque abbia un profilo su Instagram e Facebook un prototipo di sistema che gli consenta di creare nuovi Non-Fungible token in maniera molto semplice.

Questa nuova task garantirebbe, anche a chi ha meno dimestichezza nel settore, di creare un suo NFT e provare a fare fortuna, magari direttamente su un market appartenente alla galassia di Meta stesso, in cui si potrebbe assistere anche alla vendita di opere di crypto art.


Secondo l’indiscrezione del FT, si tratta ancora di una fase preliminare e tutto potrebbe essere in continua evoluzione.

Tuttavia, è sicuramente interessante osservare come le Big Tech si stiano muovendo in questo mondo con grandi investimenti, provando a recuperare il terreno perduto rispetto alle società native del settore.

Mark Zuckerberg avrebbe, infatti, individuato negli NFT il prodotto adatto per il supporto di un mercato digitale nel metaverso.