@keyframes c-inline-spinner-kf { 0% { transform: rotate(0deg); } 100% { transform: rotate(360deg); } } .c-inline-spinner, .c-inline-spinner:before { display: inline-block; width: 11px; height: 11px; transform-origin: 50%; border: 2px solid transparent; border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; border-radius: 50%; content: ""; animation: linear c-inline-spinner-kf 900ms infinite; position: relative; vertical-align: inherit; line-height: inherit; } .c-inline-spinner { top: 3px; margin: 0 3px; } .c-inline-spinner:before { border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; position: absolute; left: -2px; top: -2px; border-style: solid; }
top of page

TWITCH, IN ARRIVO CAMBIAMENTI PER AIUTARE GLI STREAMER VITTIME DI RAID D'ODIO!

Aggiornamento: 8 nov 2021

Ormai sono sempre più numerosi i content creator , entrati a far parte della piattaforma di Twitch , ad esser vittime di costanti raid d'odio e forme simili di disprezzo.



Effettivamente già da un po', ma soprattutto nell'ultimo periodo, la community sta calorosamente discutendo della vicenda, ma, nel mentre, è arrivata anche un'intromissione ufficiale da parte di Twitch.

Infatti, la piattaforma viola streaming, appartenente ad Amazon , ha pubblicato dei tweet sul suo profilo ufficiale Twitter , in cui spiegava nel dettaglio tutta la situazione e su cosa avesse fatto per colmare e rilevare meglio l'incitamento all'odio nelle chat, soffermandosi, inoltre, sul ringraziamento verso tutti coloro che condividono le loro difficili esperienze con Twitch stessa.


Qui in seguito potrete trovare i tweet ufficiali tradotti.


"Abbiamo assistito a molte discussioni su botting, incursioni di odio e altre forme di molestie nei confronti di creator marginali. Ci state chiedendo di fare meglio e sappiamo di dover fare di più per affrontare questi problemi. Ciò include un dialogo aperto e continuo sulla sicurezza dei creator."
"Diciamo grazie a tutti coloro che hanno condiviso queste difficili esperienze. Siamo stati in grado di identificare una vulnerabilità nei nostri filtri proattivi e abbiamo lanciato un aggiornamento per colmare questa lacuna e rilevare meglio l'incitamento all'odio nelle chat. Continueremo ad aggiornarlo per risolvere i problemi."
"Entro la fine dell'anno lanceremo miglioramenti al rilevamento dell'evasione dei ban e alla verifica dell'account. Stiamo lavorando duramente per lanciare questi tool il prima possibile e speriamo che possano avere un forte impatto."


Così si conclude il nostro articolo di oggi.

Voi cosa ne pensate?

Siete pro o contro i raid d'odio?

Cosa fareste voi per evitare che si verifichino?

Fatecelo sapere qui sotto nei commenti.

Per rimanere sempre aggiornati sui prossimi articoli registratevi al Blog!


Buona lettura!


(Realizzato da Rossana Lauro)