@keyframes c-inline-spinner-kf { 0% { transform: rotate(0deg); } 100% { transform: rotate(360deg); } } .c-inline-spinner, .c-inline-spinner:before { display: inline-block; width: 11px; height: 11px; transform-origin: 50%; border: 2px solid transparent; border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; border-radius: 50%; content: ""; animation: linear c-inline-spinner-kf 900ms infinite; position: relative; vertical-align: inherit; line-height: inherit; } .c-inline-spinner { top: 3px; margin: 0 3px; } .c-inline-spinner:before { border-color: #74a8d0 #74a8d0 transparent transparent; position: absolute; left: -2px; top: -2px; border-style: solid; }
top of page

KONAMI CONTINUERÀ A VENDERE NFT VISTO IL SUCCESSO DELLA COLLEZIONE DI CASTLEVANIA

Gli NFT continuano ad essere argomento di spicco nelle discussioni sul presente e futuro del mercato videoludico e, mentre si registrano vari passi indietro sulla questione, c'è anche chi decide con sicurezza di andare avanti, come Konami.

Infatti, l'ultimo report finanziario riporta ottimi risultati per la divisione gaming di Konami, che, nonostante tutto, continua ad andare bene in termini economici.


Si tratta, inoltre, di una delle poche compagnie che sembrano uscire indenni dal lancio degli NFT.


La vendita all'asta di tale collezione ha dato i suoi frutti alla compagnia, facendole guadagnare ben oltre 162.000 dollari, probabilmente spingendola a continuare su questa via.

Altre varie aziende hanno tentato la stessa strada ma, in diversi casi, sono state costrette a tornare sui propri passi a causa della risposta negativa del pubblico.

Infatti, l'ultimo risale a qualche giorno fa, in cui Riot Games ha deciso di prendere le distanze dagli NFT in seguito al riscontro negativo da parte della sua community.




Come riporta l'estratto del documento evidenziato da Nibel nel tweet qui accanto, Konami ha riferito chiaramente di voler proseguire con l'esperienza degli NFT, esordendo così:

"Venderemo ancora NFT nello sforzo di preservare contenuti amati dai nostri utenti come opere d'arte commemorative."

Dunque, si tratterà probabilmente di ulteriori oggetti digitali simili a quelli usati nella prima uscita della collezione riferita a Castlevania, probabilmente sfruttando l'ampio e storico catalogo di giochi classici in possesso del publisher stesso.





E voi, invece, su cosa pensate che si baseranno i prossimi NFT rilasciati da Konami?

Fatecelo sapere qui sotto nei commenti.

Inoltre, iscrivetevi al Blog per rimanere sempre aggiornati sui prossimi articoli!


Buona lettura!


(Realizzato da Rossana Lauro)

23 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Smart

bottom of page